1. external image cartina_africa_centrale.gif

SAMUELE TOFANI

L’Africa Centrale si trova a sud del Sahel e comprende un

grande territorio che va dall’Oceano Atlantico all’Oceano

Indiano. È attraversata, circa a metà, dall’Equatore.

Il clima è generalmente più piovoso rispetto all’Africa Settentrionale

e la vegetazione è lussureggiante.

Nell’Africa Centrale ci sono le seguenti regioni:

• il bacino del Congo;

• la Great Rift Valley;

• la zona che si affaccia sul Golfo di Guinea;

• il Corno d’Africa.

Il bacino del fiume Congo si trova al centro, a cavallo dell’Equatore;

è circondato da un anello di rilievi. Il suo ambiente

naturale è la foresta pluviale.

=
external image foresta-pluviale-450.jpg<

Il fiume Congo è, rispeùtto alla lunghezza, il secondo fiume

africano: nelle sue acque ci sono più di 4000 isole.

external image congo-river-4.jpg

LaGreat Rift Valley si estende tra ilMar Rosso e lo Stato del

Mozambico. La Great Rift Valley è una grande valle che si è

formata circa 50 milioni di anni fa in seguito alla spaccatura

e allo sprofondamento della crosta terrestre; è una zona

sismica e vulcanica.Nella parte occidentale della Great Rift

Valley si trovano alcuni laghi. I più importanti sono: il Lago

Vittoria, che è il più grande dell’Africa, il Lago Tanganica e il

Lago Niassa. In questa zona si trova anche la catena montuosa

del Ruwenzori. Nella parte orientale della Great Rift

Valley ci sono i duemonti più alti dell’Africa: il Kilimangiaro

e il Kenya. Tutti e due sono di origine vulcanica.


external image main_africa_air_great_rift_valley1.jpg


Tutti gli Stati che si trovano nella parte occidentale, tra il

Senegal e la Nigeria, si affacciano sul Golfo di Guinea, nell’Oceano Atlantico. Questo territorio è un grande altipiano

che scendendo, a poco a poco, si trasforma in grandi

pianure vicine alla costa. Il suo ambiente naturale è la savana;

la parte vicina alle coste, più umida e piovosa, è coperta

dalla foresta tropicale. In questa zona scorrono alcuni

fiumi importanti: il Niger, il Gambia e il Senegal.

external image Zebras,_Serengeti_savana_plains,_Tanzania.jpg

Il Corno d’Africa si estende nella parte più orientale ed è

bagnato dall’Oceano Indiano. Vi si trova l’Acrocoro Etiopico,

uno dei più grandi sistemi montuosi africani.

Nel Corno d’Africa il clima è tropicale; vicino alle coste è

temperato.


external image paesaggio_etiopia.jpg

INSTABILITA POLITICA

E DRAMMATICI CONFLITTI

RULLI FRANCESCO

Come gli altri stati africani, anche gli stati dell’Africa equatoriale divennero

colonie

delle potenze europee tra la fine del XIX e gli inizi del XX secolo.

external image 1312-1.jpg

La conquista dell’indipendenza, negli anni Sessanta, ha aperto la strada a una

serie di regimi autoritari e di dittature personali che hanno finora impedito lo

sviluppo democratico e lo sviluppo sociale ed economico dell’area, peraltro

ricca di risorse minerarie e di fertili terreni.

external image 11853.gif

Proprio le ricchezze del sottosuolo hanno risvegliato la cupidigia delle compagnie

occidentali, che hanno spesso appoggiato dittature e movimenti indipendentisti

pur di appropriarsi di tali ricchezze. L’instabilità politica è particolarmente

forte nella regione dei Grandi Laghi (basti pensare al tutsi)

genocidio dell’etnia

external image Africa-water.jpg

in Ruanda nel 1994, con almeno un milione di vittime) e nella Repubblica

Democratica del Congo, dove si susseguono guerre civili e colpi di stato.

Le ricchezze sono così trattenute nelle mani di pochi, mentre gran parte

della popolazione vive in povertà, tanto che molti degli stati dell’Africa equatoriale

condividono con quelli del Sahel, del

Corno d’Africa e dell’Africa occidentale il

triste primato di stati meno sviluppati.